Ott '15
06
Unioni civili, rafforzare sanzioni contro utero in affitto
PDF Stampa E-mail

La denuncia dell’Associazione ProVita nei confronti di una rete che opera a Milano per realizzare la maternità surrogata, vietata nel nostro paese, dimostra che le sanzioni attualmente previste contro l’utero in affitto sono del tutto ignorate e che vanno rafforzate. Questo è il senso degli emendamenti firmati Area Popolare contro l’utero in affitto nella discussione sulle unioni civili.

La cosiddetta stepchild adoption sarebbe, infatti, la piena legittimazione di questa pratica, che lede da una parte i diritti del minore e dall'altra quello delle donne utilizzate come semplici contenitori. Anche la giustificazione addotta da alcuni circa la mancanza di tutela per il bambino nato da maternità surrogata nel caso rimanesse orfano è priva di fondamento. La normativa attuale sulle adozioni, infatti, già garantisce che il minore possa essere affidato a chi ha stabilito con lui un legame affettivo a prescindere dal legame di parentela.